Chiudi

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Pensiero Unico

De Quorum

Ogni volta che metto un post breve su Facebook becco dei like o dei commenti positivi da gente che più lontana dal mio sentire non potrebbe essere.
Il che mi fa pensare sostanzialmente due cose.
1. Mi manca del tutto il dono della sintesi, e di questo sono consapevole sin dai tempi dei primi temi alle scuole medie. Ci ho lavorato tanto per migliorare quel giudizio sostanzialmente inutile di "soddisfacente", trasformatosi poi nel 7+ fisso del liceo, ma niente, non ci sono evidentemente riuscito, scusate.
2. Vi manca del tutto la capacità di comprensione, nel senso di mettere insieme gli indizi, i segnali ed anche qualche prova lasciata qui e là. E per questo, abbiate pazienza, non so che farci. Non sono più il coglione diciottenne di una volta che spiegava tutto a tutti cento volte perché non sopportava di non essere compreso. Non che oggi non mi dia fastidio, semplicemente ho imparato a sbattermene il giusto.

Veniamo al punto, vale a dire l'argomento del giorno: voto o non voto, e cosa voto.
Io sono talmente e storicamente convinto della difficoltà di prendere certe decisioni che, fosse per me, non avremmo mai un ministro non tecnico, con tutti i ma ed i se che si porterebbe dietro una scelta del genere. Dovrebbe andare da sé perciò che, per me, votare, non votare, votare si o votare no ad un referendum, pari dignità abbiano. Anche perché ognuna delle scelte può essere funzionale al proprio scopo, legittimamente.

Detto questo, io mi limito a leggere i risultati e ad osservare le reazioni.
E il 32% di votanti onestamente parla chiaro.
Non votare in un referendum equivale a votare no, che lo si capisca o meno. Il che, intendiamoci, è legittimo quanto votare si.
Poi si, ci sono quelli che dicono di non aver raggiunto una consapevolezza sufficiente a prendere una decisione. Ok, tutto bene, può succedere, ma quanti sono? Ci vogliamo unire anche quelli che dall'alto della loro sapienza ci hanno spiegato per due mesi quanto sia sbagliato un quesito referendario scritto in quella maniera? Va bene, buttiamo dentro anche questi. E poi quelli che "i media cattivi" hanno fatto di tutto per oscurare il referendum. Bene, avanti, c'è posto.
A quanto stiamo? 70% di questo Paese?
Fate ridere.

Facciamo poi una cosa utile, incrociamo questi numeri con quelli propagandati dai sondaggisti sulle preferenze politiche.
Mi chiedo: dove sta il 25/30% di grillini del "uno vale uno" e del "capisco tutto da solo e devo decidere su ogni cosa con un click in rete"? Dove sono i partigiani del nulla cosmico complottaro e degli slogan a minchia? Dove siete? Non è che magari avete confermato per l'ennesima volta la vostra sostanziale allergia ad un processo democratico qualsivoglia?
Dove sta il 10/15% di salviniani del celhodurismo 2.0? Non è che magari avete confermato per l'ennesima volta la vostra sostanziale difficoltà a comprendere persino un quesito che prevede come risposta solo un si o un no? La prossima volta proviamo con "augh" e "sgrunt", che dite?
Dove sta quel 5/10% di cosiddetti "altri", tra fratelli, forzisti e quant'altro? Non è che magari avete confermato per l'ennesima volta la vostra sostanziale inutilità, punto?

Ehi, non sono io che scasso la minchia un giorno si e l'altro pure perché non mi fanno votare, per me votare è un impegno serio, mi toglie energie, mi assorbe in profonde riflessioni e dilemmi che manco vi immaginate. Votare è complicato, bisogna studiare, informarsi, comprendere. Ci vuole un po' di fatica, necessaria.
Siete voi quelli che pensano che votare sia una barzelletta in cui tutti devono poter esprimere la propria opinione da tuttologi da facebook.
E allora dove siete una volta tanto che vi si chiama?
Non avete raggiunto una consapevolezza?
Studiate di più, il ragazzo potrebbe rendere di più ma non si impegna.
Dovete andare al mare?
Il seggio apre alle sette, la frittata di maccheroni è prevista per le 13, gliela potete fare.
Vi pesa il culo?
E si vede che la poltrona non è poi così scomoda allora, dico bene?

Non vi entra un cazzo in tasca da un referendum?
Tranquilli, ora arrivano le amministrative, un parente lo avete tutti.

Comments are closed