Chiudi

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Pensiero Unico

Nomen omen

Amburgo, Fognini perde la testa e insulta Krajinovic: "Zingaro di merda".

Non è che uno lo chiamano il "Fogna" per niente, eh!

Silenzio stampa

Pablito e il segreto del mundial: "Ci caricavamo con Venditti".

Ah Paole'! Non è che ci devi dire proprio tutto, eh!
Lasciaci almeno qualche illusione.

Gli otto per mille

Violenze prima del derby Avellino-Napoli del 20 settembre 2003, dure condanne per otto ultras partenopei.
Queste le condanne: Pasquale Mauro e Luciano Treglia 9 anni e sei mesi di reclusione, Vincenzo Abbruzzese e Giovanni Melotti 9 anni, Ciro Marigliano 8 anni e sei mesi, Marino Lippiello 6 anni e sei mesi, Salvatore Barbarano 6 anni e Giovanni Varchetta 3 anni.
Dovranno anche versare 120mila euro al Comune di Avellino per i danni allo stadio Partenio.

L'ultima volta in cui sono andato allo stadio per vedere una partita di calcio.
Si è scritto e detto molto, spesso una valanga di cazzate nel tentativo di nascondere un fenomeno di inciviltà estremamente frequente in quegli anni.
Chi c'era sa com'è andata, e sa che neanche queste condanne bastano a comprendere l'entità dell'idiozia di un migliaio di bestie ancora oggi a piede libero.
Altro che solo 8 colpevoli.

Top Spam

Ferrari, mai più mail a decine di colleghi.
Maranello impone una soluzione snella: per non intasare la posta, solo tre destinatari.

Al prossimo pit stop sono cazzi, arriveranno 4 alla volta.

Non arrivano a fine mese

Derby di Roma: tribuna vip, politici (quasi) scomparsi.

Ma la cosa divertente è che era mezza vuota. Ce ne fosse stato uno sfiorato dall'idea che un biglietto si possa anche pagare.
Avvistati invece grillini occupare lo stadio nel post-partita, al grido né Roma né Lazio.
Benedetti celerini, una volta tanto.