Chiudi

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy Policy
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Pensiero Unico

Tutto incluso

In autostrada: "La tua vita vale più di un sms. Non distrarti alla guida."

Beh... Quanto meno dipende dall'operatore. E comunque dal soggetto in questione.

Paura...

Asia Argento, vita da regista: "Non reciterò mai più".

A meno di una settimana dal Natale un segno inequivocabile della possibile esistenza di un dio.
Oltretutto vendicativo, vista la sua nuova attività.

Principia Culinaria

Benedetta Parodi: "Penso di cucinare meglio di come conducevo il telegiornale"

A partire da una frase del genere si potrebbe scrivere un trattato di logica.
Per fortuna (sua e nostra) Russell non ha dovuto conoscere la Parodi.

Euforia del nulla

Incontro interessante questa mattina in stazione. Si avvicina un tipo sui 35, vestito bene, faccia da brava persona, o almeno non di quelli che mi stanno sui coglioni già a pelle. Conosce uno dei pendolari con cui viaggio tutti i giorni, attacca bottone, pare si usi così tra pendolari.

Mi defilo leggermente, ma non posso fare a meno di ascoltarlo. Sono asociale, non cafone.
Nei primi cinque minuti di conversazione sembra quasi una persona normale, con problemi normali, quelli comuni a tutti i pendolari per esempio. Sveglia alle sei del mattino, viaggio nei carri bestiame di Merditalia, in ufficio alle 8:30, colleghi (romani) che si presentano quando va bene alle 10:30, per cominciare a lavorare non prima delle 11:00, e solo dopo abbondante colazione e cazzeggiamento. Gli stessi che poi, quando esci alle 18:00 pregando il santo protettore dei pendolari di arrivare a casa prima del mattino seguente, ti fanno sistematicamente la geniale battutina del cazzo "mezza giornata oggi, eh?!", e prendono il premio al posto tuo perché restano a non fare una minchia fino alle 19:00. Ma questa è un'altra storia, lasciamo stare.

Insomma, dai primi cinque minuti sembra che abbiamo solo punti in comune, viene quasi voglia di partecipare alla conversazione. Quasi, appunto. Sono pur sempre un asociale ed il mio istinto di autoconservazione raramente sbaglia.
Questa volta compresa, ovviamente.

Viene fuori la sua occupazione, bancario. E tutta la sua insoddisfazione per l'attuale incarico: prestiti, fidi, e quant'altro. Che noia, che seccatura, nessuna partecipazione emotiva. Ha anche poca esperienza nel ramo specifico, quindi elaborare una pratica diventa una sorta di parto quadri-gemellare. Se fatto di contro voglia, poi... non ne parliamo!
Quella tipa che chiama sempre per esempio? Richiesta di prestito di 10000 euro, inoltrata a febbraio, approvata a maggio, e ad oggi ancora inevasa. Ma che deve fare? Non gli piace proprio, è noioso, vorrebbe fare altro.
Ma a cosa servono quei soldi alla tipa?
No vabeh... è poca roba, solo 10000 euro, li ha chiesti per pagare l'affitto.
Ah... ecco. Comincio a capire. In effetti cosa vuoi che contino 10000 euro. Per te ovviamente, per il tuo cesso di banca, s'intende.

Per fortuna il nostro amico comune mi anticipa, impedendomi un travaso di bile mattutina, e fa, da bancario anch'egli tra l'altro, una giusta osservazione e la domanda che avrei fatto io.
Beh... invece di farle perdere tempo, perché non le dici di andare in un'assicurazione? Fa prima ed ottiene anche un tasso migliore. Appunto, giusta osservazione, ammesso che al tipo fotta qualcosa dei problemi della signora.

Arriva però la domanda: ma quindi? di cosa vorresti occuparti?
Sono tutt'orecchi a questo punto.
Finanza, mercati, è lì che si emoziona, il termine esatto che usa è "euforia", lui la prova ogni volta che apre Bloomberg.
Immagino sia tipo l'eccitazione improvvisa di un quattordicenne davanti ad un bel paio di tette. Lo capisco quasi. Ma probabilmente è perché sto pensando alle tette a questo punto.

Niente da fare, non c'è verso di farmeli scendere tipi del genere, nella posizione di poter dare una mano vera a qualcuno, di produrre o aiutare a far produrre qualcosa di tangibile, ed invece annoiati e fancazzisti, perché non gli danno il giocattolino che tanto li fa divertire.

Economia produttiva contro speculazione pura, finché non è chiara la differenza, gente così, per quanto mi riguarda, resta solo l'ennesimo coglione da evitare la mattina.